Trasformazione digitale e digitalizzazione delle aziende

del 11/12/2020

Trasformazione digitale e digitalizzazione delle aziende

La trasformazione digitale più che una semplice parola d’ordine è un argomento essenziale per le aziende in tutto il mondo. Trasformarsi digitalmente significa utilizzare la tecnologia per creare modi differenzianti di condurre la propria attività. È uno stimolo per guidare la crescita nei mercati nuovi ed esistenti. La concreta applicazione può essere diversa per ogni organizzazione perché ogni azienda è unica.

Che cos’è la trasformazione digitale e perché è cosi importante per le aziende?

  1. Cos’è la trasformazione digitale?
  2. Differenze tra digitalizzazione e trasformazione digitale
  3. Storia della trasformazione digitale.
  4. La trasformazione digitale in Italia.

Cos’è la trasformazione digitale?

Ogni azienda ha la sua personale digital transformation da portare avanti e generalizzare causerebbe solo confusione. Per Brian Solis, analista digitale statunitense fondatore di Futurwork, la trasformazione digitale può essere definita come “un riallineamento o un nuovo investimento in tecnologia, nuovi modelli di business e di processi nati per generare nuovo valore per clienti e dipendenti“.

Quella di Solis è una concezione olistica della digital transformation, che punta il dito sul valore che può avere per le aziende in quanto aiuto a competere efficacemente in un’economia digitale in continua evoluzione.

Differenze tra digitalizzazione e trasformazione digitale

Se come noi lavori e vivi a stretto contatto con il mondo digitale, ti sarai imbattuto spesso nei termini digitalizzazione, trasformazione digitale. Beh, non sono la stessa cosa e ogni concetto ha un significato diverso. Esaminiamo rapidamente le differenze.

La digitalizzazione, in breve, è il processo di conversione delle informazioni bloccate in documenti fisici da analogiche a digitali. Utilizzare queste informazioni e questi dati all’interno di processi decisionali o di analisi comporta un risparmio di tempo e un deciso upgrade qualitativo per le aziende che virano verso la digitalizzazione.

La trasformazione digitale invece è il modo in cui conduci la tua attività. Parlare di trasformazione digitale all’interno di un’azienda significa che dovrai fare un passo indietro e rivisitare tutto ciò che fai, dai sistemi interni alle interazioni con i clienti.

Storia della digital transformation

La storia della trasformazione digitale affonda le sue radici negli anni ’40. Tuttavia, gli individui avrebbero compreso meglio la digital transformation negli anni ’90 l’aumento dei prodotti, servizi e mezzi digitali.

Con l’esplosione delle piattaforme di social media e dei dispositivi intelligenti, viviamo in prima persona un enorme cambiamento nel modo in cui i clienti comunicano con le aziende. Lo sviluppo e la crescita dei sistemi di pagamento online, ad esempio, ha fatto aumentare le opportunità di commercio online e ha fatto nascere nuovi punti vendita basati sul web.

La trasformazione digitale in Italia

Il più recente studio sulla trasformazione digitale in Italia è il rapporto sulla digital transformation dell’Italia realizzato e pubblicato dal Censis con la collaborazione del centro studi TIM. Lo studio affronta l’aspetto della digitalizzazione dell’Italia analizzando i diversi segnali di cambiamento registrati nell’utilizzo dei servizi digitali con l’insorgere della pandemia di Coronavirus.

Il Covid ha si chiuso in casa milioni di italiani, ma ha anche fatto esplodere definitivamente il settore del digitale. “Se nelle classifiche europee pre-Covid – si legge nel report – l’Italia è spesso indietro soprattutto in relazione al capitale umano legato alla diffusione delle competenze digitali, il covid ha dato una maggiore consapevolezza delle opportunità offerte dagli strumenti digitali.”

Durante l’emergenza Covid in Italia si è registrata una decisa crescita nel settore della domanda digitale, una domanda che prima era solo latente e che oggi invece è reale ed espressa.

Si stima che nel corso dei tristi mesi di lockdown il 75% della popolazione adulta italiana abbia utilizzato Internet con regolarità. Oggi la maggioranza degli italiani ha ormai acquisito la consapevolezza che soluzioni digitali e servizi online sono un essenziale supporto in molti ambiti della vita quotidiana.

Il futuro digitale per le imprese italiane

Oggi il 61% degli italiani dichiara, intervistata, che continuerà ad utilizzare il web e il digitale anche nel prossimo futuro.

“La full immersion nel digitale è coincisa con una diffusa presa d’atto della possibilità di vivere in maniera differente dall’usuale”.

Il dato che maggiormente ci dà il polso di come la trasformazione stia pervadendo ogni ambito della vita sociale, è quello relativo alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

L’analisi ha evidenziato come siano stati circa 9 milioni gli italiani che, per la prima volta, hanno utilizzato i servizi digitali della Pubblica Amministrazione, di questi, dopo mesi, circa l’84% dichiara di preferire l’erogazione dei servizi al cittadino in modalità sia online sia fisica.

Fonte: CENSIS, Centro Studi Investimenti Sociali

© Riproduzione riservata

 

Ho intrapreso la libero professione nel lontano 1996 nell’ambito delle visure ipotecarie e catastali per conto dei principali gruppi bancari e degli enti di riscossione pubblica. Contestualmente, per conto di enti religiosi ed ecclesiastici, ho curato la gestione dei loro patrimoni immobiliari: dal check immobiliare, allo studio di fattibilità fino alla riqualificazione e messa a reddito. Nel 2019 ho ideato VisureNetwork®, la prima piattaforma di affiliazioni in modalità white label nel settore delle informazioni commerciali. Seguo con attenzione gli scenari del mercato immobiliare e l’impatto che le innovazioni digitali avranno nell’attività economica delle imprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.