Cosa succede se un condominio è senza amministratore?

Cosa succede se un condominio è senza amministratore?

Non sono per niente rari i casi in cui un condominio viene gestito senza il supporto di un amministratore. Approfondiamo insieme questa particolare casistica nel nostro ultimo articolo.

INDICE:

  1. Quando scatta l’obbligo dell’amministratore di condominio?
  2. Come si amministra un condominio senza amministratore?
  3. L’individuazione di un facente funzioni
  4. Il ruolo dell’assemblea
  5. Quali sono i servizi online per gli amministratori?
  6. Come rivendere i servizi per amministratori di condominio?

Quando scatta l’obbligo dell’amministratore di condominio?

Secondo l’articolo 1129 del Codice Civile, quando i condomini sono più di otto, la nomina dell’amministratore è obbligatoria. Nel caso in cui l’assemblea non vi provveda, ciascun condòmino avrebbe la facoltà di rivolgersi all’Autorità Giudiziaria.

D’altra parte, poiché fino ad otto condòmini la nomina dell’amministratore è facoltativa, se in assemblea non si raggiunge la maggioranza o si sceglie una gestione autonoma, chi non è d’accordo dovrà adeguarsi alla decisione dei più.

Come si amministra un condominio senza amministratore?

Se i condomini di un edificio con meno di nove proprietari decidono di non nominare alcun amministratore, incorrerebbero comunque in alcuni adempimenti obbligatori per legge.

Uno di questi è l’assegnazione di un codice fiscale al condominio, in modo tale che sia identificabile dai terzi nell’ambito dei vari rapporti giuridici e anche perché il condominio è considerato sostituto d’imposta a fini fiscali. In questa ipotesi, inoltre, ognuno dei condomini può essere incaricato di specifici compiti, ad eccezione della successiva divisione delle spese per le quali bisogna aprire un conto intestato al condominio.

L’individuazione di un facente funzioni

Anche se si sceglie di non nominare un amministratore, per il disbrigo delle pratiche comuni condominiali è preferibile individuare un “facente funzioni“. Si tratta di un condomino di riferimento che prende in carico compiti come la rendicontazione delle spese, la riscossione delle quote condominiali, il pagamento delle bollette, la gestione della pulizia delle parti comuni e tutti gli altri adempimenti relativi alla vita di condominio.

In mancanza di una figura di riferimento, infatti, bisognerebbe convocare l’assemblea di volta in volta, anche per le incombenze ordinarie. Un altro adempimento a cui sono tenuti i condomini, inoltre, è quello di affiggere all’ingresso dell’edificio un’informativa con i recapiti di almeno un soggetto di riferimento.

Il ruolo dell’assemblea

Sia per esigenze di natura ordinaria che straordinaria, anche in assenza di un amministratore, ciascun condomino può convocare un’assemblea. Di solito il funzionamento delle assemblee è dettato dal regolamento condominiale, anche se bisogna tenere conto del fatto che l’approvazione di un regolamento è obbligatoria solo nei condomini con più di 10 proprietari (art. 1138 c.c.). Quando, invece, in un condominio non c’è né l’amministratore né un regolamento, le norme sulle maggioranze sui quorum assembleari sono tratte dal codice civile.

Leggi anche >> Bonus facciate e Ecobonus per il Condominio: guida completa

Quali sono i servizi online per gli amministratori?

Dai documenti ufficiali per accertare l’effettiva titolarità giuridica di un immobile in capo al condomino alle azioni di recupero di un credito nei confronti dei condomini morosi. Sono diverse le situazioni per le quali richiedere degli specifici servizi online per amministratori condominiali può rivelarsi utile. Tra i più richiesti, ad esempio, rientrano la visura catastale, il rintraccio residenza anagrafica e domicilio, la visura ipotecaria, il rintraccio posto lavoro e reddito e molti altri ancora.

A questo proposito, la piattaforma di VisureNetwork® offre una modalità semplice di richiesta dei documenti. Questo grazie ad un motore interno di ricerca nel quale si digita una parola chiave e si ottiene in pochi secondi il servizio desiderato.

Come rivendere i servizi per amministratori di condominio?

VisureNetwork® consente agli amministratori di condominio di accedere a tutte le banche dati pubbliche attraverso un unico portale con più di 200 servizi disponibili. Per richiederli bisogna acquistare e ricaricare un plafond che non ha scadenza né durata e può essere utilizzato senza limiti.

Scopri come rivendere i servizi di VisureNetwork® ai tuoi clienti. Compila subito il form!

    *Nome

    *Cognome

    *Società

    *Affiliazione

    *Professione

    *E-mail

    *Cellulare

    Messaggio

    I tuoi dati personali saranno trattati nel rispetto del GDPR 679/2016 per elaborare il tuo ordine, supportare la tua esperienza su questo sito web e per le finalità specificate nella nostra Privacy Policy.

     

    Ho intrapreso la libero professione nel lontano 1996 nell’ambito delle visure ipotecarie e catastali per conto dei principali gruppi bancari e degli enti di riscossione pubblica. Contestualmente, per conto di enti religiosi ed ecclesiastici, ho curato la gestione dei loro patrimoni immobiliari: dal check immobiliare, allo studio di fattibilità fino alla riqualificazione e messa a reddito. Nel 2019 ho ideato VisureNetwork®, la prima piattaforma di affiliazioni in modalità white label nel settore delle informazioni commerciali. Seguo con attenzione gli scenari del mercato immobiliare e l’impatto che le innovazioni digitali avranno nell’attività economica delle imprese.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *